La meringa italiana

img_9487

La meringa italiana, come suggerisce il nome stesso, è di origine nostrana nonostante abbia preso forma nella vicina Svizzera nel 1700 dal pasticcere italo/svizzero , Gasparini.

Si narra infatti che Gasparini abbia creato questa preparazione per conquistare la figlia del Re polacco, Maria, promessa sposa di Luigi XV. La principessa fu talmente entusiasta del dolce che volle conoscere di persona l’inventore di tale delizia.

L’incontro avvenne nella città svizzera di Meiringen da cui deriva appunto l’appellativo di MERINGA.

In breve tempo la meringa conquistò numerose dame delle corti europee, rendendola un dolce prettamente femminile e delicato. Era una sua grande estimatrice la regina Maria Antoinette di Francia e l’attuale regina Elisabetta d’Inghilterra, la quale, durante il suo primo assaggio esclamò ” That’s like a kiss!”, ossia “è come un bacio!”..

Ma mettiamoci al lavoro e cerchiamo di capire trucchi e consigli per ottenere una meringa perfetta!

Gli ingredienti base
  • ALBUME
  • ZUCCHERO

Meringa italiana ( tratta dal libro Tradizione in evoluzione di L. Di Carlo)

60g acqua

200g zucchero semolato

125g albume

50g zucchero semolato

come avrete avuto modo di notare gli ingredienti sono davvero pochi, il segreto sta nella pulizia degli strumenti di lavoro e nella cottura, vediamo come..

  • UNIRE ALL’ACQUA I 200g DI ZUCCHERO SEMOLATO E PORTARE IL TUTTO SUL FUOCO ( munitevi di una sonda per aiutarvi a controllare la temperatura)
  • VERSARE GLI ALBUMI (PERFETTAMENTE PULITI) NELLA CIOTOLA DELLA PLANETARIA O, SE AVETE LE FRUSTE ELETTRICHE, ABBIATE CURA DI SCEGLIERE UN RECIPIENTE DI ACCIAIO O DI VETRO
  • PESATE A PARTE I 50g DI ZUCCHERO
  • UNA VOLTA CHE L’ACQUA E LO ZUCCHERO SUL FUOCO AVRANNO RAGGIUNTO LA TEMPERATURA DI 115C°, AZIONATE LA PLANETARIA CON GLI ALBUMI E VERSATE A PIOGGIA LO ZUCCHERO SEMOLATO FINO A CREARE UNA SPUMIGLIA
  • QUANDO LO ZUCCHERO COTTO ARRIVERA’ A 121C°, SPEGNETE IL FUOCO E TRASFERITE LO SCIROPPO NELLA PLANETARIA A FILO AVENDO CURA DI ABBASSARE L’INTENSITA’ DELLE FRUSTE PER EVITARE CHE SCHIZZI DA TUTTE LE PARTI
  • UNA VOLTA FATTO QUESTO PROCEDIMENTO RIAUMENTATE L’INTENSITA’ DELLE FRUSTE E PROCEDETE FINCHE’ NON SI OTTERRA’ IL COSIDDETTO BECCO D’OCA

IMG_0307.JPG

  • A QUESTO PUNTO LA MERINGA E’ PRONTA E PUO’ ESSERE UTILIZZATA SUBITO O CONSERVATA IN FRIGORIFERO COPERTA DA PELLICOLA A CONTATTO PRIMA DELL’UTILIZZO

La meringa italiana viene usata spesso come copertura di dolci tradizionali, come la Zuppa Inglese o la torta meringata al limone..

la meringa risulta troppo stucchevole e con un forte sentore di uovo?

come per il Pan di Spagna, servitevi della scorza degli agrumi (limone, lime, arancia, pompelmo rosa) per arricchire le vostre ricette e per rendere la meringa non solo molto meno dolce ma anche più fresca al palato.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...